Le FFS precisano la situazione nel Mendrisiotto

0
63

Le Ferrovie Federali prendono posizione in merito a quanto riportato dai media in data odierna sulla situazione dei posti di lavoro nel Mendrisiotto e ribadiscono che la crescita nel corso degli ultimi anni è stata costante a livello cantonale e che ben ¼ dei collaboratori FFS in Ticino è attivo nella regione.

Il numero di collaboratori a livello ticinese è costantemente cresciuto nel corso degli ultimi 10 anni e circa 1/4 del totale è attivo nel Mendrisiotto; le FFS orientano tuttavia il proprio sguardo sull’intero Canton Ticino e non sulle singole regioni, questo soprattutto in ottica dell’apertura della galleria di base del Monte Ceneri, grazie alla quale le varie regioni del Cantone si avvicineranno ancor più. E’ tuttavia naturale che, rispetto a 30 anni fa, grazie alle innovazioni tecnologiche e alla digitalizzazione che hanno interessato tutti i settori della società, il fabbisogno di manodopera e i profili della stessa siano cambiati e con essi le strutture organizzative delle aziende. Questi cambiamenti hanno toccato e profondamente influenzato tutti i settori della società.

La regione del Mendrisiotto riveste una grande importanza per le FFS, tanto dal punto di vista storico quanto da quello prettamente attuale. A testimoniarlo gli importanti investimenti presso la stazione di Chiasso, per la nuova fermata di Mendrisio – San Martino, per l’area di smistamento tra Chiasso e Balerna e, non da ultimo, per la nuova linea transfrontaliera tra Mendrisio e Varese.

Le FFS ribadiscono che questi investimenti non servono a cancellare posti di lavoro, bensì a mantenere le infrastrutture, gli immobili e i servizi al passo coi tempi e con le necessità dell’utenza, come ad esempio l’adattamento dei marciapiedi alle esigenze dei disabili, nuovi sistemi informativi per la clientela e accessi facilitati alla stazione di Chiasso tramite un nuovo sottopasso. I 10 posti di lavoro di Chiasso, come riportato oggi sulla stampa, non saranno cancellati, bensì trasferiti a Pollegio a partire da aprile 2019; questo rientra in una più ampia strategia a livello svizzero atta a centralizzare i collaboratori del traffico ferroviario nelle 4 centrali d’esercizio e rendere così più effettivo il lavoro.

Le FFS continuano a formare giovani apprendisti. Attualmente nel solo Canton Ticino ve ne sono ben 130 in formazione in 12 professioni differenti. E’ notizia di pochi giorni fa che login ha consegnato i diplomi a 40 giovani ticinesi, ognuno dei quali sarà operativo presso i vari settori delle FFS. Questa è la testimonianza concreta di chi guarda al futuro coltivando il presente.

KOMMENTIEREN - commenter - commentare

avatar
  Abonnieren  
Benachrichtige mich zu: