Petizione “Diminuite il traffico pesante”

In data odierna a Berna è stata consegnata dall’Associazione Liberale Radicale per l’ambiente (ALRA) sulla terrazza di Palazzo Federale al Segretariato per gli affari giuridici, in presenza di una delegazione parlamentare ticinese, la petizione “Diminuite il traffico pesante”,
Questa iniziativa, tutta ticinese, ha raccolto in pochi mesi 7280 firme nel solo Cantone con l’appoggio dalle sezioni ticinesi di Iniziativa delle Alpi, WWF e ATA.

In data odierna a Berna è stata consegnata dall’Associazione Liberale Radicale per l’ambiente (ALRA) sulla terrazza di Palazzo Federale al Segretariato per gli affari giuridici, in presenza di una delegazione parlamentare ticinese, la petizione “Diminuite il traffico pesante”,
Questa iniziativa, tutta ticinese, ha raccolto in pochi mesi 7280 firme nel solo Cantone con l’appoggio dalle sezioni ticinesi di Iniziativa delle Alpi, WWF e ATA.

La petizione, indirizzata al Consiglio di Stato Ticinese, al Consiglio federale e al Parlamento nazionale chiede che la riduzione del traffico pesante fissata nella legge (650’000 passaggi all’anno attraverso il San Gottardo) sia raggiunta entro il 2012. Per raggiungere questo obiettivo il Consiglio federale deve ricevere dal Parlamento le competenze necessarie per introdurre entro 2 anni dalla decisione parlamentare la Borsa dei Transiti. Questa misura viene ritenuta indispensabile per raggiungere l’obiettivo di trasferimento del traffico pesante. In periodi di superamento dei livelli di guardia d’inquinamento deve inoltre essere applicato un divieto di transito dei mezzi più inquinanti.
Queste misure sono ritenute indispensabili per garantire alla popolazione una migliore qualità dell’aria ed una migliore mobilità. Esse promuovono il trasferimento del traffico pesante dalla strada alla ferrovia senza danni all’economia ma promuovendo il ruolo delle ferrovie.

La petizione dimostra la reale preoccupazione di tutto il Ticino per l’evoluzione del traffico pesante (+3.9% nel primo semestre del 2008) che incide in modo importante sulla salute, sulla mobilità e sulla qualità dell’aria.

Il popolo Svizzero ha d’altronde espresso a più riprese la necessità di porre rimedio a questa situazione, fissando i relativi obiettivi nella Costituzione Federale e nella legge.

Il Ticino chiede dunque ora a tutto il Consiglio Nazionale e al Consiglio Federale il necessario impegno, concreto e immediato, per il benessere di tutta la popolazione.
Nelle discussioni relative alla legge sul trasferimento del traffico pesante è percio’ prioritario porre chiaramente le priorità: limitazione dei transiti a 650’000, raggiungimento dell’obiettivo entro il 2012, necessità dell’introduzione della Borsa dei Transiti.


Più/Mehr zum Thema:

COMUNICATO STAMPA ALRA

Autor: Redaktion

Aus der Bahnonline.ch-Redaktion. Zugesandte Artikel und Medienmitteilungen, welche von der Redaktion geprüft und/oder redigiert wurden.

Schreibe einen Kommentar