Collegamento ferroviario Mendrisio-Varese/Malpensa

Cantone Ticino, Ufficio federale dei trasporti (UFT) e Ferrovie federali svizzere (FFS) sono stati informati a metà Aprile 2013 – nell’ambito del Comitato di coordinamento della Ferrovia Mendrisio-Varese – delle criticità emerse nello svolgimento dei lavori sul tratto italiano.

erstellt am 25. Mai 2013 @ 08:50 Uhr
Repubblica e Cantone Ticino / SBB CFF FFS / UFT
Cantone Ticino, Ufficio federale dei trasporti (UFT) e Ferrovie federali svizzere (FFS) sono stati informati a metà Aprile 2013 – nell’ambito del Comitato di coordinamento della Ferrovia Mendrisio-Varese – delle criticità emerse nello svolgimento dei lavori sul tratto italiano.

Dalle informazioni ricevute i problemi toccano in particolare la gestione del materiale di risulta e coinvolgono l’impresa aggiudicataria dei lavori, responsabile dell’esecuzione dell’opera, la Regione Lombardia (RL), gli enti provinciali e locali nonché Rete ferroviaria italiana (RFI) quale committente dell’infrastruttura.

RFI e RL hanno nuovamente confermato in questa occasione la volontà e l’impegno a trovare una soluzione tempestiva ai problemi sorti nel cantiere della FMV sul lato italiano. Durante l’ultima riunione del Comitato di coordinamento non sono stati comunicati i possibili ritardi per quanto attiene la messa in esercizio della linea tra il confine e Varese.

Da parte svizzera è stato confermato l’avanzamento dei lavori secondo il programma stabilito.

Dalle informazioni assunte in seguito e confermate ancora in questi ultimi giorni sono attualmente in corso incontri e discussioni tra le parti per la ricerca di una soluzione. Ricordiamo che una situazione critica sorta nell’autunno 2011 aveva potuto essere sanata e superata.

L’incontro del Comitato di coordinamento previsto per il 23 maggio 2013 è stato nel frattempo aggiornato all’inizio di giugno su richiesta di RFI e della Regione Lombardia, poiché le parti interessate sono ora impegnate nella ricerca di ogni soluzione volta a ricucire la difficile situazione.

Al momento, Cantone Ticino, UFT e FFS confidano ancora che le criticità emerse possano essere superate e gli impegni assunti attraverso un Accordo internazionale rispettati.

È attesa una informazione circostanziata sulla situazione e sulle conseguenze delle difficoltà emerse entro la prossima seduta del Comitato di coordinamento.

Nel frattempo, sono stati avviati contatti politici fra il Cantone e la Regione Lombardia allo scopo di avere informazioni dirette. Il Consigliere di Stato Michele Barra ha avuto nel tardo pomeriggio un colloquio telefonico con Maurizio Del Tenno, Assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia.

L’Assessore ha informato il Consigliere di avere avviato degli incontri con le parti con l’obiettivo di evitare la rottura del contratto e di riaprire il cantiere nelle prossime settimane, in modo da contenere il ritardo sulla tabella di marcia a un massimo di tre mesi. Ulteriori informazioni seguiranno nella prima settimana di giugno.

Vedi anche

 

Collegamenti esterni

Autor: Redaktion

Aus der Bahnonline.ch-Redaktion. Zugesandte Artikel und Medienmitteilungen, welche von der Redaktion geprüft und/oder redigiert wurden.

Schreibe einen Kommentar